La magia di Terrasini: un luogo dove il mare racconta la storia della Sicilia

Parliamo un po’ della nostra  amata Terrasini raccontandone la bellezza naturalistica, il patrimonio storico ed archeologico ed il foklore. Tra le più belle location della Sicilia Occintale, Terrasini vive un momento di grande sviluppo turistico essendo meta di visitatori da tutto il mondo. La vicinanza con l’aeroporto internazionale Falcone e Borsellino, inoltre, la rende di facile accesso e conferisce ulteriore prestigio a quella che negli anni è diventata location prescelta di un turismo attento.

Incastonata tra il verde delle colline e l’azzurro profondo del mare, Terrasini è un’opera d’arte da vivere in prima persona. Questo comune di 11 mila abitanti, situato in provincia di Palermo, regala ai turisti un paesaggio che sembra scolpito da un artista visionario per la sua varietà di scenari naturali. La sua costa irregolare e frastagliata, ricca di calette rocciose e formazioni a strapiombo, affascina anche lo spettatore più disincantato. Insomma, Terrasini è l’ideale per una rilassante vacanza al mare in Sicilia.

Il litorale di Terrasini si estende dal lido della Ciucca alla spiaggia ciottolosa di san Cataldo. La costa rocciosa di Calarossa, così chiamata per il suo caratteristico colore, alterna insenature da sogno a dirupi scoscesi sul mare. I faraglioni sono la più grande attrazione della spiaggia Praiola e si affacciano su un mare limpido, dal verde intenso. Merita un’escursione la riserva naturale orientata di Capo Rama, con una massiccia torre di avvistamento del XV secolo. Qui predomina la macchia mediterranea con i suoi affascinanti esemplari di flora e fauna. Il panorama spettacolare abbraccia tutto il Golfo di Castellammare fino a Punta Raisi.

Nel centro della cittadina spicca il Duomo dedicato a Maria Santissima delle Grazie. Accanto alla cattedrale è situata la villa san Giuseppe, dove spesso si tiene una mostra di artigianato locale. Numerose le dimore storiche come Palazzo Cataldi, che ospita la Biblioteca Comunale, Palazzo D’Aumale, con il Museo di Storia Naturale, e Palazzo La Grua, sede del Comune. Appena fuori dal centro si trova anche Villa Fassini, in stile liberty e in passato sede di una folta comunità hippy.

Terrasini riserva molta importanza al folklore locale. Una particolarità è il Museo del Carretto siciliano, un’esperienza sorprendente che passa in rassegna un aspetto particolare dell’arte locale, radicato nell’identità e della cultura siciliana. Da non perdere, oltre alle esposizioni dei carretti, anche la sezione naturalistica con una suggestiva area dedicata al bosco di notte. Ogni anno si svolge uno degli eventi più folcloristici della Sicilia: la festa degli Schietti, dedicata agli uomini né sposati né fidanzati, che si svolge nel periodo di Pasqua. Qui, secondo una tradizione che risale al periodo saraceno, gli uomini si misurano in una singolare gara che consiste nel sollevare con un braccio un albero del peso di 50 kg.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.